Discepole del Vangelo

Giovani in ascolto della Parola

Giovani in ascolto della Parola – IV domenica di Quaresima

“perché mi capita questo?”
Gesù però va oltre. Non indugia in questa domanda, ci fa capire anzi che è la domanda sbagliata. Non esiste una risposta a questa domanda, ma esiste uno sguardo nuovo che la presenza di Gesù ci dona: come guardare in modo nuovo alla vita, alla realtà che mi circonda, al peccato? Gesù, con la nostra fede, è la luce nelle tenebre, è la speranza nel limite, è la salvezza dal peccato e dalla morte.
E tu ci credi ad un Gesù così?

LEGGI TUTTO »

Giovani in ascolto della Parola – III domenica di Quaresima

Ecco quindi che l’incontro con l’Altro, un collega di lavoro, un compagno di classe, un amico che non si vedeva da molto tempo, diventano momenti da curare con estrema attenzione, perché sono anch’essi generativi. (…) Queste relazioni diventano occasioni per versare un po’ di quell’acqua che Gesù, inizialmente, ha versato in noi. Acqua che noi riceviamo, ma da noi trasborda e bagna chi incontriamo.

LEGGI TUTTO »

Giovani in ascolto della Parola – Epifania del Signore

Vivo questo racconto come un appello rivolto a tutti noi che crediamo di essere già arrivati e di aver già trovato tutte le risposte a fare lo sforzo di alzare gli occhi al cielo, vedere le stelle, e accorgersi che c’è
qualcosa di più grande di noi e del nostro presunto sapere. I Magi hanno avuto l’umiltà di riconoscere il mistero della nascita di Cristo e della sua venuta sulla terra come un evento per cui valeva la pena lasciare la loro terra lontana e mettersi in cammino.

LEGGI TUTTO »

Giovani in ascolto della Parola – Maria Santissima Madre di Dio

Quello che mi tocca di più è il fatto che scelgono di partire “senza indugio”: molte volte ci ritroviamo a non capire perché Dio ci sta ponendo davanti una determinata sfida od ostacolo, oppure tendiamo a non fidarci completamente di lui ma a focalizzarci solo su cosa noi pensiamo sia giusto.
I pastori avrebbero potuto non star a sentire la voce degli angeli, invece scelgono di fidarsi e, cogliendo questa occasione, scoprono un tesoro.

LEGGI TUTTO »

Giovani in ascolto della Parola – IV domenica di Avvento A

Quello che mi ha colpito di questo vangelo è come Giuseppe si fida totalmente dell’angelo mandato dal Signore. Penso che se ad ognuno di noi apparisse un angelo in sogno e ci rivelasse una profezia, penseremmo subito che sia stato un sogno generato dalla nostra fantasia. O comunque, anche se decidessimo per qualche “strano” motivo di credere che effettivamente questo sogno sia stato condotto da Dio, quanti di noi avrebbero il coraggio di fidarsi di esso e di crederci completamente?

LEGGI TUTTO »

Giovani in ascolto della Parola – III domenica di Avvento A

Avere Fede significa avere coraggio. Possederla vuol dire spogliarsi completamente di tutti i freni che ci possono impedire di vivere al meglio il nostro rapporto con il Signore e determina l’inizio di un viaggio che come unica meta ha il Regno dei Cieli. La sua presenza è in grado di farci superare le difficoltà più grandi che possiamo trovare, essa rappresenta uno degli atti più rischioso ma belli che è possibile esercitare.

LEGGI TUTTO »