L’oggi che viviamo… nelle fraternità di
Riese Pio X e San Giuliano Milanese

  • 1. Riese_Atlantis
  • 2. Riese_Atlantis 2
  • 3. Tiberiade_capodanno
  • 4. Tiberiade_capodanno 2
  • 6. Riese_lectio (2)
  • javascript image slider
  • 8. Tiberiade_cresima Arianna
1. Riese_Atlantis1 2. Riese_Atlantis 22 3. Tiberiade_capodanno3 4. Tiberiade_capodanno 24 6. Riese_lectio (2)5 7. Tiberiade_Compleanno Kamal_mod6 8. Tiberiade_cresima Arianna7
bootstrap image slider by WOWSlider.com v9.0

Vita fraterna e vita parrocchiale: segni di speranza

In questo tempo particolare di pandemia, nelle comunità parrocchiali in cui siamo presenti, abbiamo condiviso segni di ripresa e di speranza. Raccontiamo alcune esperienze di quest’anno vissute con le persone delle parrocchie di Riese Pio X e di San Giuliano Milanese.

Parrocchia, territorio e comune… segni di inclusione a Riese Pio X
Da alcuni mesi la nostra fraternità sta vivendo un’esperienza di accoglienza molto bella: dopo il lockdown dello scorso anno ci è stato proposto di ospitare nella nostra casa, in accordo con la parrocchia ed il Comune di Riese Pio X, un gruppo di ragazzi diversamente abili che, a seguito della pandemia, per motivi di sicurezza, non potevano più proseguire le loro attività presso il centro diurno abitualmente frequentato.
Ecco che il piano terra della nostra abitazione, dal lunedì al venerdì, diventa spazio per le loro attività, ma non solo…
Infatti, nel giro di poco tempo è nata una bella amicizia con noi, che è stata l’occasione per poter presentare loro nuove persone ed aprire strade a favore dell’inclusione nel territorio riesino.
A poco a poco si sono create relazioni semplici, ma belle ed importanti, con i nostri vicini e non solo! Chi passa per un saluto, un caffè insieme a loro e… non manca mai di portare un dolcetto! Alcune persone condividono anche qualche lavoro insieme ai ragazzi: le visite guidate alla casa natale – museo di S. Pio X, la cura del prato e dei fiori, piccoli lavori di segreteria…
Stiamo facendo insieme un’esperienza bella di Vangelo, in cui ciascuno dona all’altro piccoli gesti, le sue capacità ed il suo tempo, tornando a casa più ricco per aver vissuto insieme l’incontro.

Capodanno a San Giuliano… incontrando gli altri!
A conclusione del 2020, in collaborazione con gli scout e i giovani della parrocchia di San Giuliano Milanese, abbiamo vissuto un pomeriggio per ripercorrere e fare memoria di quest’anno e vivere un tempo di riflessione. Poi, a gruppetti, abbiamo preparato e portato un augurio e dei regali, nel rispetto delle norme, ad alcune famiglie della nostra città. Pensare ad altri, preparare anche un pensiero semplice per loro, aiuta ad allargare lo sguardo e a diffondere nuova fiducia in tutti! Il pomeriggio si è concluso con una breve condivisione e una preghiera: abbiamo affidato al Signore desideri, timori e le persone incontrate.
Siamo state contente di condividere questa esperienza insieme ai giovani, una bella occasione per “esplorare” la nostra città e portare un piccolo segno di speranza per tutti, in particolare per i più piccoli!

In ascolto della Parola a Riese Pio X: condivisione
Durante la pandemia, abbiamo vissuto on-line la condivisione del Vangelo, perché abbiamo sentito forte l’invito di diverse persone di trovare una nuova forma per raccoglierci insieme attorno alla Parola e lasciarla risuonare dentro durante un tempo particolare per tutti.
Dopo un lungo periodo di restrizioni dettate dal Covid abbiamo riproposto alla nostra comunità parrocchiale di ritrovarci settimanalmente, in presenza nella nostra fraternità, per un momento di ascolto e di condivisione del Vangelo.
Questa “sete” della Parola di Dio, ascoltata insieme e condivisa, è un’esperienza che, nella semplicità, coinvolge persone nuove, è un dono che ci arricchisce reciprocamente! Scopriamo che il Vangelo davvero è una Parola sempre nuova, interroga il nostro quotidiano e rende prezioso lo scambio di ciò che suscita in noi.

Vicinanza a persone e famiglie… opportunità per creare legami significativi!
In quest’ultimo tempo in cui le restrizioni si sono un po’ allentate, abbiamo ripreso la visita a persone sole e a famiglie della nostra parrocchia, con il desiderio di offrire loro ascolto e vicinanza o semplicemente per coltivare la bella amicizia che già c’era tra noi.
Essere accolte dalle persone o accoglierle in fraternità, infatti, ci permette di entrare nella loro vita quotidiana, farci loro vicine e condividerne gioie e sofferenze.
Vi condividiamo piccole esperienze che dicono il desiderio di riallacciare legami buoni per continuare a camminare insieme!
Ci ha stupito, la grande generosità con cui ci ha accolto Kamal, originaria dello Sri Lanka. Era il suo compleanno e siamo passate da lei a farle gli auguri. Abbiamo incontrato i suoi nipoti che ci hanno invitato a cena a casa loro perché potessimo conoscerci e gustare i piatti tipici del loro paese: davvero un invito inaspettato e molto gradito!
Oppure la scelta di Doriana ed Enrico, una famiglia della parrocchia, di chiedere a una di noi di essere la madrina di Arianna, la loro figlia più piccola, in occasione della celebrazione della Cresima. La riconosciamo come scelta frutto dell’amicizia creata in questi anni di presenza a San Giuliano. Generosità e familiarità sono state le caratteristiche della festa in casa loro per festeggiare il cammino di fede di Arianna!

Sorelle Marzia, Lina e Chiara (Riese Pio X)
e sorelle Marilisa, Elena ed Arianna (San Giuliano Milanese)

freccia sinistra

L’Oggi che viviamo…
nella fraternità Jesus Caritas