III Domenica di Pasqua A
Commento di Ch. de Foucauld al vangelo di domenica 26 aprile 2020