Riapre la fraternità Assekrem a S. Giovanni di Livinallongo (BL)

  • 10
  • Nuove (2)
  • Nuove (6)
  • Nuove 2 (1)
  • Nuove 2 (2)
  • Nuove (1)
  • Nuove (4)
  • Nuova 2
  • 06
  • Nuove (5)
  • 04
  • Nuove (3)
  • Ultima
  • assekrem1
  • javascript slideshow
  • Assekrem3bis
101 Nuove (2)2 Nuove (6)3 Nuove 2 (1)4 Nuove 2 (2)5 Nuove (1)6 Nuove (4)7 Nuova 28 069 Nuove (5)10 0411 Nuove (3)12 Ultima13 assekrem114 Assekrem215 Assekrem3bis16
bootstrap carousel by WOWSlider.com v9.0

Dopo alcuni lavori di ristrutturazione e ampliamento riapriamo la fraternità Assekrem a San Giovanni di Livinallongo (BL).

Continuiamo l’esperienza di accoglienza che da più di 40 anni viviamo in questo luogo. Sullo stile di Charles de Foucauld, la fraternità desidera essere un luogo di cura della vita spirituale: nella preghiera personale e comune, nel valore della quotidianità e nella contemplazione della storia e del creato.

Charles de Foucauld, mentre era a Tamanrasset, ha voluto costruire un eremo sull’Assekrem, in cui poter soggiornare alcuni periodi dell’anno per avere spazi di solitudine e contemplazione, ma anche per poter stare con i Tuareg, che si spostavano sui monti dell’Assekrem per far pascolare i loro greggi.

In una lettera alla cugina Marie de Bondy, Charles condivide l’esperienza che vive all’eremo:

L’eremo non può essere più comodo di così; la cappella è molto raccolta e molto bella; la camera è luminosa e abbastanza grande perché si possa viverci in due, stringendosi anche in tre. La vista è così bella che non si può né dire, né immaginare. Niente dà l’idea della foresta di picchi e di guglie rocciose che è ai nostri piedi: è una meraviglia. Come vorrei che la vedessi! Bisognerebbe che ci passasse la ferrovia transahariana. Ti consolerebbe vedere una così meravigliosa natura. Non si può ammirarla senza pensare a Dio; fatico a staccare i miei occhi da questa vista meravigliosa la cui bellezza e senso di infinito avvicinano tanto al Creatore, nello stesso tempo in cui la sua solitudine e il suo aspetto selvaggio mostrano come si è soli con Lui e come si è una goccia d’acqua nel mare.

Lettera a Marie de Bondy, 9 luglio 1911

A chi viene a trascorrere uno o più giorni, proponiamo:

  • un tempo di fraternità e di preghiera condivisa con le sorelle, nella loro vita quotidiana.
  • l’esperienza dell’eremo: uno spazio autonomo dove persone singole possono vivere giorni di ritiro e preghiera, nella semplicità e nell’essenzialità.
  • l’accoglienza di piccoli gruppi che per uno o più giorni desiderano un’opportunità di formazione e spiritualità da condividere con le sorelle.

Per informazioni sull’accoglienza contattare sorella Eliana Fregolent 340.4589814